Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network.

Cliccando su OK, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento si acconsente all'uso dei cookies. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Ulteriori Informazioni

Il giorno 12 maggio dalle ore 15:00alle ore 18:00 presso l’Istituto “A.Righi” di Taranto, si è tenuto un corso di formazione sulla didattica per competenze, percorso ineludibile nel nuovo processo educativo di apprendimento. Al corso hanno partecipato i proff. Caramia Antonella e Seggioli Maurizio.

Notevole spessore hanno avuto gli interventi del relatore, il prof. Federico Batini dell’Università degli Studi di Perugia, il quale da anni si occupa della didattica orientata alla rilevazione delle competenze, indicando nuovi percorsi educativi, poiché è compito del docente non fermarsi alla sola acquisizione delle conoscenze. Idee queste a cui già da tempo si sono ispirati tutti i documenti legislativi scolastici, degli ultimi anni. Le parole chiave della nuova impostazione didattica vedono il soggetto al centro del processo di insegnamento apprendimento, che vuole agire con l’utilizzazione delle metodologie attive, dove il docente, che a sua volta si forma in un processo continuo, valorizza la dimensione esperienziale a partire dal contesto, per realizzare il compito di realtà. Certo non è facile sradicare un metodo di insegnamento che da anni ha caratterizzato la didattica, ma l’importante è essere aperti al cambiamento ed avere la volontà di cambiare in meglio, in un processo di formazione continua.

Il prof. Batini ha congedato i partecipanti con un pensiero di Pino Cacucci: “Le radici sono importanti, nella vita di un uomo, ma noi uomini abbiamo le gambe, non le radici, e le gambe sono fatte per andare altrove.”


Prof.ssa Antonella Caramia

 

buone pratiche