Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network.

Cliccando su OK, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento si acconsente all'uso dei cookies. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Ulteriori Informazioni

Grande trionfo alla prima edizione della “Festa di primavera” svoltasi nei giorni scorsi all’IISS “Majorana”. Un progetto che ha visto la collaborazione di studenti e docenti nella realizzazione di un tripudio di performance artistiche: dal teatro con Baricco, De Filippo, recital di poesie, passando per una sfilata di moda allestita dalle alunne del corso moda, fino alle esibizioni di ginnastica ritmica, danze caraibiche, contemporanee, arti marziali (Kendo) ed un susseguirsi di band musicali. Inaspettata la numerosa affluenza, anche esterna all’istituto, che ha motivato ancora di più gli studenti e ha reso il loro lavoro particolarmente soddisfacente. Le cinque postazioni fisse delle varie esibizioni erano affollate in contemporanea cercando di accontentare tutti i “palati”: letterari, teatrali, musicali. “La manifestazione nasce dall’idea di un gruppo di studenti del Majorana che si sono costituiti in un’associazione culturale, OpenSpace Majorana, all’interno dell’istituto con l’obiettivo di diventare parte attiva nella comunità scolastica di appartenenza aumentandone il senso di identità e di unità – dichiara il presidente onorario dell’associazione, prof. Maurizio Seggioli, - con l’auspicio che questa iniziativa possa essere l’inizio di una narrazione diversa della scuola che renda “orizzontale” il rapporto che intercorre tra professori e studenti, ovvero creare un confronto tra di essi che vada oltre il normale rapporto docente-alunno.” Il logo dell’associazione, ideato dall’alunno liceale Farbod Rassouli, richiama proprio questo spirito di comunità attraverso la rappresentazione di un cerchio che simboleggia una comunità in continua evoluzione. “Il cerchio – ci illustrano le alunne Maria Cecere, Francesca Pulito e Martina Petino, responsabili delle public relations dell’associazione  - èsuddiviso in quattro spazi di colori diversi che rappresentano le diverse culture presenti nel mondo, caratterizzate da differenti personalità e da svariate sfumature, che creano insieme l’open space, ovvero uno spazio aperto al confronto e alla creazione di nuove idee.” “Questa nuova esperienza vissuta dagli studenti del Majorana –chiosa la dirigente scolastica, Anna Caroli – non fa che consolidare il nostro principale obiettivo: rendere la nostra comunità sempre più inclusiva e gli attori principali di questa comunità: gli studenti, i veri protagonisti dell’esperienza didattica che non deve fermarsi al consueto dialogo educativo tra docenti e discenti ma deve incoraggiare canali di apprendimento alternativi che facciano emergere tutte le qualità nascoste dei giovani, la loro creatività, la voglia di esprimersi ed affermare il proprio sé, innescando quel circolo virtuoso di relazioni che hanno il sapore buono del vivere civile.”

Maria Lucchese

 

foto1

foto2

Foto 1 - 2: alcune delle band che si sono esibite.

 

foto3

foto4

Foto 3 – 4. Alcuni momenti della sfilata curata dalle docenti: prof.sse Maria C. Dompietro, Piera Scarano, Ancona e A.Caramia alla presenza della dirigente.

 

foto5

foto6

Foto 5 –6. Gruppi di studenti esibitisi in rappresentazioni teatrali e recital di poesia, curati dalle docenti: prof.sse Sara Messia, Alba Quaranta e Rita Margiotta.

 

foto7

foto8

foto9

Foto 7 -8- 9. In palestra, numerose le esibizioni applaudite, tra cui le atlete dell’ASD Tyche con la loro insegnante Giusy Ancona, la prof.ssa Cecilia Delfini che ha curato tutte le esibizioni e la dirigente (rispettivamente prima,seconda e terza da sinistra); infine gli studenti che si sono esibiti in un saggio su Grease.

 

foto10

Foto 10. Docenti tra i primi supporter dei loro alunni.

 

foto11

Foto 11. Da sinistra: la dirigente scolastica, Anna Caroli, il collaboratore della dirigente: prof. Vincenzo Napolitano, la direttrice SGA, dott.ssa Raffaella Chiarelli e seminascosta la prof.ssa Angela Scatigna, collaboratrice della dirigenza, mentre assistono alle esibizioni degli studenti.