Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network.

Cliccando su OK, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento si acconsente all'uso dei cookies. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Ulteriori Informazioni

Con questa premessa l’IISS “Majorana” di Martina dà il bentornato ad uno dei suoi più illustri ex studenti: il prof. Eligio Lisi, dirigente di ricerca nazionale di  fisica nucleare della sezione di Bari.

Classe 1965, diplomatosi nel 1984, il prof. Lisi ne ha fatta di strada. Grazie alla sua granitica passione per la fisica, dopo gli studi superiori nell’istituto “tecnico industriale” di allora, ha scelto di proseguire gli studi sulla fisica nucleare. Scelta ponderata la sua, ma saldamente ancorata ai dettami dal cuore. Folgorante la sua carriera: dai dottorati di ricerca, viene annoverato quale associato scientifico al CERN di Ginevra, nonché membro dell’Institute for Advanced Study di Princeton, fino a giungere al suo all’attuale incarico di dirigente di ricerca in fisica nucleare. Reduce illustre dal recente raduno della comunità scientifica internazionale costituita da fisici, astrofisici e premi Nobel tra i quali Takaaki Kajiita (Nobel 2015 per la fisica), tenutosi a Otranto, dove si è discusso di oscillazione dei neutrini, le particelle di materia più numerose dell’universo, il prof Lisi, originario di Locorotondo, è stato accolto nella sala consiliare del Palazzo Ducale di Martina Franca dalla dirigente scolastica Anna Ausilia Caroli, e dalla più alta carica amministrativa della città, il commissario straordinario dott. Giuseppe Castaldo ricevendo gli onori dalla comunità del Majorana che non ha esitato a celebrarlo quale protagonista della serata al 5° raduno Albo d’Oro dell’IISS “Majorana”. Circondato da numerosi ex studenti, e soprattutto ex compagni di classe, il prof. Lisi ha dato un saggio dei suoi studi sui neutrini affascinando gli astanti con una breve presentazione a riguardo, ed ha concluso  invitando i giovani studenti a “guardare oltre per la curiosità di conoscere e capire la natura.”

 “Lungi dall’essere un’autocelebrazione – spiega la dirigente scolastica prof.ssa Anna Caroli – ogni anno rinnoviamo questa manifestazione quale occasione per ricercare e riconoscere il valore delle eccellenze che si distinguono per le loro qualità professionali e che, di riflesso, divulgano il nome dell’IISS Majorana nel mondo. Quest’anno con vivo orgoglio plaudiamo al prof. Lisi, quale “ambasciatore” del nostro istituto.” Non nasconde la sua soddisfazione, il referente dell’Albo D’Oro, il prof. Angelo Oliva, che da anni si appassiona a questa ricerca di eccellenze, dal passato scolastico al Majorana. “Oltre alla gioia di riaccogliere i nostri ex studenti a distanza di decenni, nella scuola che li ha visti formarsi - commenta il prof. Oliva - il mio impegno ha lo scopo ben più profondo di instillare nei nostri attuali studenti, la consapevolezza che l’impegno, la curiosità, la passione per le discipline scelte, la partecipazione e l’entusiasmo nel dedicarsi allo studio, sono tutti valori impagabili che portano lontano e ben traducono i presupposti su cui si fondano i princìpi del nostro istituto scolastico e della qualità formativa che lo contraddistingue.”

Maria Lucchese

 

foto1 

Foto 1:  il prof. Angelo Oliva mentre accoglie il prof. Eligio Lisi, nella Sala Consiliare del Palazzo Ducale. 

 

foto1 

Foto 2: Il prof. Lisi durante la presentazione dei suoi studi sui neutrini. 

 

foto2

Foto 3: Plauso della Sala Consiliare all’intervento del prof. Lisi.

 

foto3

Foto 4: Riconoscimento con una targa dedicata al prof. Eligio Lisi. Si riconoscono (da destra) il commissario Castaldo, Eligio Lisi, Angelo Oliva presentatore della serata, la dirigente scolastica del Majorana Anna Caroli, e Martino Carrieri, fondatore della Electronic’s time, altro illustre ex studente del Majorana, premiato nelle passate edizioni dell’Albo d’Oro.

 

foto4

Foto 5: il prof. Lisi, mentre intrattiene la platea con il suo intervento sui neutrini, partendo dagli appunti di Ettore Majorana.