Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network.

Cliccando su OK, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento si acconsente all'uso dei cookies. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Ulteriori Informazioni

foto0

Il 29 marzo scorso in una Bruxelles, a pochi giorni dal sessantesimo anniversario dei Trattati Di Roma, 23 studenti dell’IISS Majorana (indirizzo liceo scientifico op. scienze applicate)  di Martina Franca, accompagnati dalla Dirigente scolastica Anna Ausila Caroli e dalla Prof.ssa Lucia Locorotondo, sono stati accolti al Parlamento Europeo e partecipato all’interessante Role Play Game.

L’esperienza è stata la conclusione di un percorso iniziato fin da gennaio, in cui gli studenti hanno seguito lezioni di Diritto Comunitario, tenute dalla Prof.ssa di diritto Lucia Locorotondo, per conoscere la storia dell’Unione Europea, le istituzioni più importanti e il loro funzionamento, simulando le attività del Parlamento europeo, per imparare a discutere e negoziare.

Una volta arrivati alla sede del Parlamento europeo, tra edifici dedicati ai padri fondatori dell’U.E., lo sguardo dei ragazzi si è fermato su quello intitolato ad Altiero Spinelli (foto 1), ricordando le tappe della nascita dell’Europa unita. Proseguendo i ragazzi hanno raggiunto il Parlamentarium, per rivestire i panni di europarlamentari (foto 2).

Durante il role play game ogni studente è diventato un deputato o deputata, vivendo in prima persona le tappe necessarie per approvare un atto legislativo europeo che, nello specifico, erano la Direttiva sulla solidarietà per l’acqua e la Direttiva sull’identificazione personale.

Dopo essersi divisi in quattro gruppi politici (foto 3) e composto due commissioni, la commissione ambiente e quella sulle libertà civili, hanno esaminato, discusso, negoziato con la Commissione europea ed infine approvato le due direttive (foto 4). Hanno così sperimentato a vivere personalmente momenti essenziali del lavoro politico, ad esempio raccogliere informazioni dai propri elettori e dalle lobby, intervenire in qualità di presidenti delle commissioni durante le plenarie, affrontare una conferenza stampa in seguito all’accadimento di eventi (foto 6), partecipare a trattative, lavorare in équipe, rilasciare interviste, trovare compromessi accettabili e partecipare all’adozione di decisioni.

I deputati per un giorno hanno approvato in terza seduta la direttiva sulla solidarietà dell’acqua ed in seconda seduta quella sull’identificazione personale, dopo lunghe trattative che hanno coinvolto gli studenti con grande con entusiasmo e passione , stanti i casi a loro sottoposti di particolare attualità.

Dopo due ore e mezza impegnative, si è conclusa con successo l’esperienza del Role Play Game, tanto che ogni studente ha ricevuto l’attestato firmato dal Presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani (foto5).

Al termine gli studenti, tutti entusiasti, hanno riferito di aver compreso quanto lavoro c’è dietro una legge o a una proposta di legge, avendo vissuto in prima persona vantaggi e svantaggi della negoziazione e la difficoltà di arrivare ad un accordo pur avendo opinioni diverse e dovendo trovare dei compromessi. Per tutti loro è stato così interessante ed appassionante, non solo come studenti, ma anche come cittadini, tanto da voler intraprendere la carriera politica o diplomatica.

Piccoli deputati crescono.

foto1

Foto1

 

foto1

Foto2

 

foto3

Foto3

 

foto1

Foto4

 

foto1

Foto5

 

foto1

Foto6