Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network.

Cliccando su OK, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento si acconsente all'uso dei cookies. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Ulteriori Informazioni

“Un modello di “buona scuola”? Senza dubbio l’IISS “Majorana” di Martina Franca”. Con questa dichiarazione sabato scorso, 19 settembre, la sottosegretaria al MIUR, senatrice Angela D’Onghia, ha sintetizzato l’apprezzamento per i brillanti risultati raggiunti dall’istituto martinese in occasione dell’inaugurazione del nuovo anno scolastico. 350 iscritti alla prima classe nell’ a.s. 2015/16; una popolazione scolastica quasi raddoppiata negli ultimi tre anni; nuovi laboratori altamente tecnologici, progettati e realizzati per soddisfare le esigenze di ragazzi desiderosi di “imparare facendo”; alunni che realizzano idee in progetti concreti e si affermano in concorsi in giro per l’Italia; docenti che sposano l’innovazione della didattica digitale promossa con il Book in Progress rivoluzionando il modo di approcciarsi all’alunno e limitando la piaga della dispersione scolastica a sporadici episodi. “Con questi numeri – continua la senatrice - il Majorana è stato già valutato ed eletto dalle famiglie quale scuola d’eccellenza alla quale affidare la formazione dei propri figli.” Gremitissima di famiglie e studenti l’Aula Magna che ha ospitato le più alte cariche dello Stato sul territorio: dal prefetto al questore di Taranto, al comandante della Compagnia dei Carabinieri di Martina, all’assessore regionale Donato Pentassuglia, all’assessore comunale alla Cultura Antonio Scialpi. Tutti ad avvalorare gli sforzi compiuti dal personale scolastico dell’istituto, guidato da una dirigente che “con caparbietà e abnegazione, parafrasando le parole della senatrice, ha firmato la svolta storica del Majorana sconfessando il cliché delle scuole del sud sempre una spanna dietro agli istituti settentrionali. E i risultati sono tangibili quando questi giovani si affermano a livello nazionale ed internazionale.” Quale madrina della manifestazione, la sottosegretaria D’Onghia ha poi visitato l’istituto con i suoi molteplici laboratori ed ha inaugurato quello di elettrotecnica, appena rinnovato ed arricchito con nuove strumentazioni e pannelli per le esercitazioni degli studenti. “Queste nuove attrezzature, acquistate con i contributi delle famiglie, per un ammontare di circa 20.000 euro - illustra l’ing. Donato Olivieri, responsabile del dipartimento di Elettronica ed Elettrotecnica- permetteranno agli studenti di acquisire abilità, sia in fase di progettazione che di collaudo, sugli impianti elettrici, videocitofonici e di domotica secondo le ultimissime tecnologie e prescrizioni normative, con l’obiettivo di offrire al mercato del lavoro, alla fine del corso di studi, non solo studenti neo diplomati sulla carta, bensì di potenziali tecnici già formati e abili nelle loro competenze specifiche.” “Quando un’azienda è in crescita, conclude la Dirigente - così come lo è la nostra scuola, devono crescere anche gli investimenti per mantenere il livello qualitativo raggiunto e non deludere coloro che hanno contribuito a questa crescita, in questo caso le famiglie dei nostri ragazzi.”

Maria Lucchese

foto1

Foto 1: assessore comunale alla Cultura Antonio Scialpi - senatrice Angela D’Onghia - la dirigente scolastica Prof.ssa Anna Ausilia CAROLI - assessore regionale Donato Pentassuglia

foto2

Foto 2: ing. Donato Olivieri illustra il nuovo laboratorio di elettrotecnica